Libertà religiosa

  • Un diritto fondamentale

  • La Dichiarazione dei Diritti umani dell’ONU comprende 18 articoli.  L’art. 18 garantisce una delle libertà più importanti: la libertà religiosa.

  • Spesso discriminazione e violenza sono giustificate abusivamente con la religione. Nel mondo occidentale questo fatto non è riconosciuto a dovere, le vittime di questi conflitti sociali complessi sono frequentemente dimenticate. Poche organizzazioni promuovono attivamente il rispetto della libertà religiosa. Christian Solidarity International – o Solidarietà Cristiana Internazionale – lotta per la libertà di religione di ogni essere umano, indipendentemente dalla sua appartenenza religiosa. Un’attenzione speciale è tuttavia rivolta ai numerosissimi cristiani oppressi e perseguitati, i quali, meno di altri gruppi religiosi, riescono a scuotere l’opinione pubblica mondiale. Il nostro impegno è motivato dalla Bibbia e si basa su una solidarietà vissuta (1 Cor. 12,26) e sulla pratica della misericordia (Luca 10,25-37).

  • L’art. 18 della Dichiarazione universale dei Diritti umani definisce chiaramente il diritto alla libertà di religione e rappresenta la base del nostro lavoro: “Ogni individuo ha diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione; tale diritto include la libertà di cambiare religione o credo e la libertà di manifestare, isolatamente o in comune, sia in pubblico sia in privato la propria religione nell’insegnamento, nelle pratiche, nel culto e nell’osservanza dei riti.”